Libri di testo

Una cosa che abbiamo trovato molto utile fra quelle che abbiamo avuto la possibilità di sperimentare durante la scuola in Italia sono stati i libri di testo. Ne abbiamo una piccola collezione ora, tra libri di lettura e sussidiari. Vorrei condividere qui alcune riflessioni sull’uso di questi testi che possiamo fare come genitori di bambini che parlano (leggono, scrivono in) italiano, ma frequentano scuole in altre lingue.

libro di letturaIl libro di lettura

In Italia a scuola si impara a leggere sui libri di lettura. Si sono evoluti nel tempo, ma in sostanza sono una raccolta di testi di generi e autori vari, adattati o meno al livello di lettura della classe a cui si rivolgono, dalla prima alla quinta elementare. A mio parere sono un retaggio del passato (e ne ho avuto conferma cercando immagini di copertine online…ci son cose ;o)  quando possedere dei libri non era così diffuso e le biblioteche pubbliche non esistevano. (Resistono per due motivi fondamentali: la lobby delle case editrici e l’assoluta immobilità della scuola italiana, ma questo è un altro discorso)

In generale, trovo che il mezzo sia piuttosto superato, anche se ha subito qualche makeover nel corso degli anni. Soprattutto quando si parla di classi quarte e quinte dove i bambini potrebbero essere spinti a scegliere e leggere “veri” libri, e non solo storie che qualcunaltro ha scelto per loro.

Ci sono però anche dei vantaggi, nell’avere il libro di lettura:

#1 – È bello poter “assaggiare” qua e là storie. Anche senza leggere un intero libro si possono conoscere diverse storie e magari interessarsi ad esse fino al punto di decidere di leggere il libro da cui sono tratte.

#2 – Ci sono di solito sezioni dedicate alla poesia che altrimenti entra più difficilmente fra le scelte di lettura dei più piccoli.

#3 – Avere un testo comune rende la lettura una “proprietà” di tutti e allo stesso tempo qualcosa che si può condividere, fare insieme.

Per noi, famiglie viaggiatrici

Per i nostri bimbi il libro di lettura consente di avere accesso a storie in italiano veloci da leggere e vicine alla quotidianità della scuola in Italia. Oltre ad apprezzare la praticità di avere tante storie in un solo libro, mi piace l’idea di assaggiare i libri prima di scegliere cosa leggere da capo a fondo. Inoltre, se il livello di lettura in italiano non è avanzatissimo, avere storie corte permette di non scoraggiarsi e di perfezionare la tecnica di lettura prima di affrontare un testo più lungo e impegantivo.

Il sussidiario

Di solito viene adottato a partire dalla terza elementare: è il mio preferito perché sopperisce in parte a tutte quelle lacune di cui di solito mi lamento della scuola anglo-sassone, in particolare nella remota Australia. Storia, geografia, scienze organizzate in modo sistematico e sintetico, e pronte all’uso per i miei piccoli scrittori (che ormai tanto piccoli non sono più).

Per noi, famiglie viaggiatrici

Il sussidiario consente di avere una specie di sintesi delle informazioni principali riguardo un certo tema. Ad esempio un’introduzione a conoscere la preistoria o gli antichi Egizi o il medioevo dei castelli. È estremamente conveniente avere tutto concentrato in un libro che si può leggere d’un fiato o consultare al bisogno. I miei scrittori hanno molto amato il loro sussidiario italiano e ogni tanto lo rispolverano ancora!

Giunti per iPad

Ho appena scoperto che la casa editrice Giunti ha messo online gratuitamente i propri libri di testo. La cosa interessante è che essendo stati convertiti giuntiin app per iPad sono interattivi quindi i bambini possono completare gli esercizi, colorare, rispondere alle domande. Potete trovare i link per scaricare libri di lettura e sussidiari a questo indirizzo della Giunti.

Noi li stiamo provando!

Annunci

3 pensieri su “Libri di testo

  1. Elena, concordo sul vantaggio di avere a disposizione una fonte univoca per sviluppare insieme la lettura in classe. Indubbiamente facilita il lavoro dell’insegnante. Quanto alla possibilità di “assaggiare” qua e là…se guardo il libro di mio figlio, ci sono pezzi veramente scelti male (a volte scritti in maniera approssimativa). Detto molto fuori dai denti, io li definisco “insulsi”. Apprezzo il fatto che le maestre del mio Nano Grande incoraggino alla lettura proponendo ai bambini testi “veri”: lo scorso anno, l’insegnante ha letto loro il buon vecchio Cipì, mentre la maestra di inglese si è scatenata con Roald Dahl.
    Non so, sarà forse segno dell’età, ma mi sembra che “ai nostri tempi” anche i libri di lettura contenessero testi un po’ più strutturati… 😉

  2. Guarda Claudia, sono stata un po’ cauta, ma anch’io vedo che non sono un granché. Dal punto di vista dell’avere materiali semplici e veloci su cui lavorare, devo dire che funziona benissimo per noi dall’altra parte del mondo. Ma per dirla anch’io fuori dai denti, direi che il mezzo non ha più molto senso quando le case sono piene di libri, le biblioteche pure e i tablet anche. Insomma, anche la scuola dovrebbe prendere consapevolezza che i bambini hanno bisongo di altri stimoli. E poi c’è l’annosa questione della differenziazione: come insegnante, come fai a incoraggiare il bambino che fa fatica e allo stesso tempo spingere in avanti il bambino che sa già leggere molto bene se l’unico mezzo che utilizzi è lo stesso identico libro di lettura?

  3. PS: la mia opinione è che non è che i libri di lettura fossero meglio ai “nostri tempi”, ma che il contesto era totalmente differente. E in quel contest avevano decisamente più senso. Contesto inteso come quantità/qualità di libri a disposizione, accessibilità, tipologia di testi, supporto della famiglia/società, livello culturale delle famiglie e degli insegnanti…insomma…un altro mondo, se ci penso bene!

A voi la parola...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...