La nascita dell’Universo

universo

Ho detto più volte che una delle cose che mi manca di più della scuola italiana è la graduale costruzione, a partire dalla terza elementare, di una generale conoscenza della storia, della geografia, delle scienze. Insomma tutti quegli aspetti che definirei culturali e che qui in Australia non sono trattati in modo sistematico. Ho tentato più volte di affrontare alcuni di questi argomenti in modo più o meno organizzato, e in passato avevo anche organizzato un corso molto bello, che mi piacerebbe prima o poi trasformare in un ebook o in una app per iPad (IT di tutto il mondo, fatevi avanti se siete interessati ;o).

Mi piacerebbe proporre ai miei piccoli scrittori alcuni dei temi che sono nei programmi della scuola elementare italiana e ho fatto un primo esperimento con la nascita dell’Universo e l’evoluzione della vita sulla Terra (in genere nei programmi di  terza).

I materiali

Ho trovato online due libri interattivi realizzati dai bambini di due scuole. Questi libri hanno rappresentato il nostro materiale di partenza. Li abbiamo letti insieme, svolto le attività proposte, approfondito qualche aspetto, giocato con le informazioni. Abbiamo quindi prevalentemente lavorato sul computer.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Cosa abbiamo imparato

I bambini conoscevano già la maggior parte delle informazioni trovate. Allora, a cosa è servito questo lavoro?

Ho individuato alcuni arricchimenti per i miei bimbi bilingui:
-il vocabolario si è allargato (ho imparato “rotazione” e “rivoluzione”)
-la lettura è diventata più fluente
-mi hanno fatto alcune domande sulla costruzione della frase e la grammatica che io davo per scontate
-hanno imparato a rispondere a domande in italiano riguardo argomenti di studio (e non solo riguardo esperienze personali) che richiedono un linguaggio diverso
-hanno collegato contenuti che già conoscevano in inglese e li hanno approfonditi in italiano (ad esempio tutti i concetti legati alla nascita del sole, alcune espressioni legate a concetti chimici, reazione, sostanze, gas, o i nomi dei diversi strati dell’atmosfera)

Scrivere

Al termine della lettura, ho chiesto loro di scegliere un pianeta e descriverlo con tutte le informazioni che avevano imparato in almeno tre frasi. Un esercizio utile per rinforzare i concetti imparati, per utilizzare i nuovi vocaboli, per costruire correttamente le frasi, per esercitare l’ortografia.

E la matematica?

Abbiamo giocato un po’ anche con i numeri. Ad esempio, lo sapevate che se vivessimo su Mercurio io avrei 168 anni? È stato un duro colpo da mandare giù…

Nel secondo libro ci sono anche dei problemi “Italian style”, molto diverso da “Oz Style”, che ci sono serviti per confrontare le richieste e il modo di risolvere i problemi nei due tipi di scuola.

Ma soprattutto…

Ci siamo divertiti. Non sempre è facile chiedere di fare extra-lavoro e a volte, quelli che dovrebbero essere momenti di arricchimento reciproco e piacere di imparare, diventano fonte di lotte e ricatti. Invece l’uso di questi libri interattivi ci ha permesso di leggere concetti spiegati da bambini a bambini, le attività proposte hanno proposto giochi e momenti più leggeri. Insomma, abbiamo imparato in un  clima tranquilllo e positivo per tutti.

Anche per la piccola scrittrice in erba che ha imparato a scrivere e leggere i nomi dei pianeti e ha giocato insieme a noi.

Quali sarebbero i temi che vi piacerebbe sviluppare in italiano con i vostri bimbi? C’è qualcuno con bimbi dell’età dei miei (10 e 9 anni + 5 anni) interessato a sperimentare insieme a noi a distanza il prossimo tema che esploreremo? Fatemi sapere e possiamo organizzarci con un piccolo gruppo di studio per poi confrontarci su come è andata.

Link utili:

Questi sono i due libri che abbiamo utilizzato:

Dal Big Bang al Pianeta Azzurro (ad esempio abbiamo scoperto che in inglese invece la Terra viene chiamato “The Green Planet”, curioso no?)

L’origine della Terra

Annunci

3 pensieri su “La nascita dell’Universo

  1. Ciao Elena, bellissima iniziativa alla quale vorrei associarmi. Anche nella scuola dei nani lavorano per topics e non so quanto poi l’aspetto di cultura generale ne possa risentire (adesso in class 2 stanno facendo le case del mondo, attività che culminerà con la visita al “museo dell’uomo”, un museo etnografico qui vicino).L’idea di sviluppare un “progetto mondiale” di approfondimento su un argomento personalmente mi piace un sacco. Ne ho accennato al nano e si è detto molto interessato…vediamo chi si aggrega? 🙂

    PS: io per l’ebook ci sto. Sentiamoci (anche per le altre cose!!)

  2. Grazie! Allora, per ora siamo in tre famiglie.
    Età bimbi: 10, 9, 6 (? sarebbe il tuo Claudia ;o), e ne abbiamo due da 5 anni ;o)
    Vi scrivo cosa intendo fare come prossimo argomento e vediamo se possiamo trovare qualcosa che va bene per tutte le età!
    Ci sentiamo presto!

  3. Please, upgrade to 7 y.o.! (altrimenti poi s’offende…ehehehe. E ci mettiamo in scia la Nana piccola, che ha quasi 4 anni e un po’ di acculturamento passivo male non le fa. 😉 A presto!!

A voi la parola...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...