Il trampoline non è un trampolino

Giocare al lego è una attività che si presta moltissimo al nostro scopo: parlare in italiano e in particolare allargare il vocabolario dei nostri ragazzi.

Era da tempo che puntavo a riordinare le scatole dei mille pezzi di ogni forma, grandezza e colore che ci permettono di creare oggetti interessantissimi e finalmente ieri ci abbiamo dedicato qualche ora. Avevo letto di una cassettiera lego che permette di riordinare tutti i pezzi e in più di esporre le proprie creazioni sopra. Noi siamo molto più spartani e soprattutto cerchiamo di riciclare  e riutilizzare il più possibile invece di acquistare nuove scatole di plastica. Allora abbiamo racimolato alcune scatole delle scarpe e una grossa scatola di cartone con un bel coperchio grande. Abbiamo suddiviso per categorie i vari mattoncini e pezzi vari (fra le categorie: piatti grandi, piatti stretti, normali e pezzi strani, oltre a ruote, finestre, micro-pezzi…) e poi abbiamo trasformato il coperchio della scatola in un’esposizione, attaccando dei piani di lego con la BlueTak (se avete mai affittatto una casa in Australia dovete per forza sapere cos’è, ma questa ve la spiego un’altra volta, e solo se siete davvero interessati ;o).

L’elaborazione della nostra esposizione è iniziata in modo casuale e ha poi lentamente preso piede.

 La scrittrice grande ha deciso di creare un “centro benessere”, abbiamo tradotto così fitness centre.

Lo scrittore ha deciso di aggiungere una capsula con una poltrona reclinabile per il rilassamento.

sedia reclinabile

poltrona reclinabile

La piccola scrittrice in erba ha costruito il parco giochi con un tavolino dai colori della bandiera italiana.

tavolino

tavolino

Il tutto…nello spazio, in una stazione spaziale.

stazione spaziale

stazione spaziale

Abbiamo imparato parecchio…

Intanto, che tradurre alcune espressioni è difficile.

Trovare il modo giusto per definire il fitness centre ha assorbito gran parte della nostra discussione. Nel centro ci sono una palestra, una sauna, una piscina, un giardino e un posto per i massaggi. Abbiamo inizialmente pensato a  palestra, ma risultava incompleto. Poi a centro di bellezza, ma spostava troppo l’asse verso trattamenti di bellezza. Infine abbiamo trovato un accordo su centro benessere.

Poi, che un trampoline non è un trampolino.trampolino

Arrivati alla piscina, sento la scrittrice grande dire : ho fatto anche un diving board.

Incuriosita, chiedo: ma cos’è esattamente? Quella cosa dove salti per entrare in piscina! Ah, il trampolino…ma allora non si dice trampoline! E così abbiamo trovato altre parole che suonano simili in italiano e in inglese, ma hanno significati diversi. Quelli che vengono definiti false friends. Ci siamo riproposti di fare un piccolo elenco di queste parole. Stay tuned!

E infine, come si scrive.

Una parola può bastare, o anche no. Ma per assicurarmi che almeno una fosse restata nella loro testa, ho chiesto se sapevano scrivere la parola trampolino.

E voi? Avete mai usato i lego per lavorare sull’italiano dei vostri figli? In quale modo? Ha funzionato? Come suggerireste di approfondire o arricchire questa strada?

Annunci

A voi la parola...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...