Scrivere in vacanza? Una sfida per ragazzi e genitori.

Molti di voi, almeno quelli che vivono nell’emisfero nord, saranno ormai partiti per le vacanze, le meritate vacanze estive.

Noi, io e i ragazzi del corso, abbiamo concluso il nostro ultimo viaggio (che vi racconterò nei prossimi post) e ci siamo salutati, promettendo di tenerci in contatto e magari anche di conoscerci meglio. Le mamme mi hanno chiesto di suggerire qualche idea per far restare i ragazzi in contatto e magari farli scrivere in italiano.

Io, colgo la palla al balzo, e qualche idea ve la lancio, anche se so quanto sia difficile poi fare in modo che entrino nella pratica quotidiana.

Intanto vorrei chiedere ai genitori dei ragazzi: Per favore, non chiedete ai ragazzi di scrivere un diario delle vacanze! Vi sfiderei invece…scrivetelo voi! Tornate ragazzini, durante le vacanze si può, e provate a collezionare biglietti dei vostri viaggi, foto speciali, biglietti da visita, cataloghi, tovagliolini di carta…come facevate sulla vostra Smemoranda (se siete della mia generazione ;o)  tot anni fa. Oppure…disegnate. Disegnate i posti che vedete,  i panorami, gli interni, le opere d’arte. E poi inventate una storia, sì, un racconto fantastico (o meno) delle vostre vacanze. Raccogliete tutto in un album. Acquistatene uno speciale, fatelo con le vostre mani, oppure trovatene uno “etnico” del luogo che state visitando. Sarà un bel ricordo da conservare sulla libreria e sfogliare durante l’inverno, quando le vacanze (e  il sole) saranno lontani. (Ovviamente, se i vostri ragazzi muoiono dalla voglia di aiutarvi, concedetegli una pagina, o più, a vostra discrezione).

Passiamo ai ragazzi. Voi siete molto più…diciamo sintetici, veloci, tecnologici, pratici, se vogliamo. E allora, un bellissimo modo per tenersi in contatto con gli amici è SCRIVERSI. Sì, ma non romanzi, non descrizioni dettagliate della gita appena fatta o del museo appena visitato. Voi siete giovani e amate la velocità.

Allora vi sfido: mandate una cartolina in cui in poche parole o frasi riuscite a far capire al vostro interlocutore (la persona con cui state comunicando, un amico, un genitore, un parente, un insegnante – ad esempio, potreste scrivere a me, ne sarei felicissima!) qual è la cosa che state facendo in vacanza. Il testo della vostra cartolina può avere SOLO, sottolineo SOLO, una delle seguenti forme:

*3 righe per un totale di 17 sillabe:  5 nella prima riga, 7 nella seconda, 5 nella terza.

*5 righe: la prima, la seconda e la quinta devono fare rima tra loro, così come la terza e la quarta. Le prime tre righe devono contenere tre accenti, la terza e la quarta solo due. Nella prima riga dovreste presentare il protagonista del racconto definendolo con un aggettivo e indicando dove si svolge la storia.

*140 caratteri, suddivisi come volete. Contano anche gli spazi vuoti tra una parola e l’altra.

*quante parole volete, scritte non su linee ma dando loro la forma di un oggetto, un posto, un particolare
(magari lo stesso che state descrivendo)

Ognuna di queste forme è molto speciale. Non è una mia invenzione e vi svelerò presto di cosa si tratta. Facendovi degli esempi.

Ah, dimenticavo. Se invece di una vera cartolina, preferite inviare una cartolina virtuale, vi suggerisco di scriverne una con questa applicazione per iPad:  Bill Atkinson Photocard (c’è una versione lite gratuita e una a pagamento).

Mi piace perché si può inserire una propria foto, si possono aggiungere francobolli e stickers sul testo e si può inviare tramite email. Inoltre si può anche registrare la proria voce che legge il testo.

Buon lavoro e buone vacanze!!!

Annunci

3 pensieri su “Scrivere in vacanza? Una sfida per ragazzi e genitori.

  1. e’ una bellissima idea e lo faccio già da molti anni di tenere un diario di viaggio, forse perché mia madre l’ha sempre fatto per i nostri viaggi più belli!
    Buone vacanze a tutti!

  2. Anche a me piace moltissimo inventarne uno diverso ad ogni viaggio. Ne ho una bella collezione! Buona vacanze anche a te, scienziata Annalia!

  3. Pingback: Vacanze, un tempo per l’italiano? | macomefa?

A voi la parola...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...